Salta al contenuto principale

Prof. Dr. Fred Wagner ha presentato il suo studio "Risk Management in Industrial Enterprises" al simposio GVNW 2018. La gestione del rischio è utile?

La gestione dei “Cigni neri” presso le aziende rientra nell’ambito della gestione del rischio. Se questo è ben strutturato, è possibile reagire in modo più rapido e mirato a eventi imprevedibili. Ma come viene attualmente vissuta la gestione del rischio nelle PMI industriali tedesche? E quali sono i benefici per le aziende? Uno studio recente fornisce informazioni al riguardo.

Con il patrocinio e la partecipazione personale del Prof. Dr. Fred Wagner dell'Istituto di Scienze assicurative dell’Università di Lipsia, la V.E.R.S. Leipzig GmbH e l’associazione GVNW (Gesamtverband der versicherungsnehmenden Wirtschaft) hanno condotto lo studio “Risk Management in Industrial Enterprises - Value Contribution for Medium-Sized Enterprises” con l’incentivo economico della Fondazione Funk. I primi risultati sono stati presentati a settembre in occasione del simposio GVNW 2018.

Lo studio aveva l’obiettivo di analizzare la gestione del rischio nelle piccole e medie imprese industriali, confrontare gli approcci esistenti e individuare gli ulteriori potenziali di sviluppo. «Volevamo fare un punto della situazione empirico» spiega il Prof. Dr. Wagner. «La gestione del rischio non è un concetto nuovo, ma non esiste un’idea predominante di ciò che significhi». E infatti lo studio dimostra che le strategie di progettazione dei sistemi di gestione del rischio nelle PMI tedesche sono tanto diverse quanto le strutture e il panorama aziendale delle PMI stesse.

Il rapporto costi/benefici

Dr. Wagner

L’istituzione professionale di un sistema di gestione del rischio può aiutare le imprese a realizzare i loro obiettivi strategici. Tuttavia, ciò comporta sempre dei costi, il che solleva la questione del rapporto costi/benefici di un sistema di gestione del rischio. Anche questo aspetto è trattato nello studio, e a tal proposito il Prof. Dr. Wagner commenta: «Abbiamo cercato di quantificare il valore aggiunto che la gestione del rischio offre all’azienda. Ma come si misura questo valore aggiunto? Se non viene misurato, è difficile trasmetterlo. Uno dei risultati dello studio è che probabilmente c’è ancora molto potenziale».

La gestione del rischio come gestione aziendale orientata al valore

Riskmanagement

Il compito della gestione del rischio è quello di ottimizzare il profilo opportunità/rischio di un’azienda in linea con la sua strategia aziendale. «La gestione del rischio non consiste nell’escludere al meglio tutti i possibili rischi» spiega il Prof. Dr. Wagner. «Perché in questo modo si gettano via anche le opportunità. La gestione del rischio serve a creare un equilibrio tra opportunità e rischi. Assumersi dei rischi in nome delle opportunità quando ci sono sufficienti opportunità, nella speranza che queste si concretizzino in un ritorno adeguato. Quindi la gestione del rischio è in realtà una gestione aziendale orientata al valore. In linea di principio dobbiamo sempre pensare al rischio in termini di opportunità e ritorno».

Possibilità di posizionamento come valore aggiunto

Studie_Riskomanagement

Alla base dello studio vi era l’idea di generare valore aggiunto per il gruppo target. Così sono state elaborate 50 domande per chiarire quali sono i problemi e i temi relativi alla gestione del rischio nelle piccole e medie imprese. Per molte delle aziende intervistate, la semplice partecipazione allo studio ha portato un notevole aumento delle conoscenze sull’argomento. «Ci sono temi che tratto soltanto ora per la prima volta, mentre di altri mi occuperò in seguito» hanno commentato i risk manager coinvolti. «Naturalmente il valore aggiunto principale è il risultato dello studio» afferma il Prof. Dr. Wagner. «Un’azienda può ora comprendere in modo ottimale in che modo è posizionata per le sfide della gestione del rischio». Lo studio è stato innanzitutto consegnato ai partecipanti e poi presentato al simposio GVNW. In seguito sarà accessibile anche a una platea più ampia. Inoltre, gli autori dello studio stanno già valutando la direzione in cui potrebbero essere condotte ulteriori analisi e ricerche empiriche.

FacebookLinkedInTwitterMailArrow UpArrow LeftArrow RightGallery