Skip to main content

Risanamento dei danni causati da allagamento nelle operazioni produttive Dopo la grave alluvione del fornitore del settore automobilistico ZF a Passau

Gestione dei danni in situazioni estreme

Il caso e i fatti

  • A giugno del 2013, dopo giorni di forti piogge, la regione alpina e del Danubio è stata colpita da quella che è stata definita l'alluvione del secolo. A Passau il Danubio ha raggiunto un livello di 12,89 metri, 69 cm in più rispetto all'alluvione del 1954.
  • La sede di ZF Friedrichshafen AG a Passau è stata gravemente danneggiata dall'allagamento, che interessò il magazzino, le aree di servizio e le officine con i macchinari per la manutenzione.

ZF_1

ZF_2

Agire con rapidità per ridurre i danni consequenziali

Una calamità naturale come una grave alluvione è praticamente impossibile da fermare. Ciò che fa la differenza in simili situazioni è la gestione rapida e professionale dei danni. Questo è infatti l'unico modo per ridurre al minimo danni consequenziali gravi e costosi. Nel caso di ZF, i team BELFOR e BELFOR DeHaDe si sono concentrati su tre aree: edifici, articoli di magazzino e manutenzione dei macchinari. L'area di produzione di ZF non era rimasta allagata per soli 5 cm. Nonostante questo colpo di fortuna, i 70 membri della squadra di risanamento avevano tantissimo lavoro da fare.

BELFOR e BELFOR DeHaDe in azione presso ZF 

  • BELFOR è stata attiva presso ZF a partire dal 6 giugno 2013, mentre BELFOR DeHaDe dal 12 giugno 2013.
  • Le aree da risanare erano gli edifici, gli articoli di magazzino e la manutenzione dei macchinari.
  • Il 7 giugno 2013, BELFOR ha installato la prima fila di vasche di immersione a ultrasuoni e il giorno successivo ha dato il via al risanamento degli articoli in magazzino.
  • Le 70 persone della squadra sono state impegnate nel risanamento fino a fine luglio, ma le misure di asciugatura sono proseguite oltre.

"Quando si verificano danni bisogna agire con misure rapide e corrette. A Passau, quelle adottate da ZF e BELFOR sono state molto efficaci."
Günter Spitzlay, BELFOR Deutschland

Le linee di vasche a immersione hanno salvato gli articoli in magazzino

Gli articoli salvati dall'area del magazzino dovevano essere risanati e protetti dalla corrosione. A tale scopo, diverse file di vasche a immersione mobili (linee di pulizia a ultrasuoni) sono state posizionate usando una gru e messe in azione. In una prima fase, le vasche sono state coperte da una tenda di plastica chiusa con un'unità asciugatrice per prevenire la formazione di corrosione immediata. 

Dopo il risanamento
Articoli di magazzino risanati nella vasca a immersione
bild 4
Prima del risanamento
bild 5
Dopo il risanamento

 




Essiccatori industriali contro la corrosione

L'umidità incontrollata è come veleno per macchine, componenti e prodotti finiti in metallo. Essiccatori industriali sono stati installati nelle grandi sale destinate alla produzione e all'immagazzinamento per asciugare le superfici, ridurre il livello di umidità relativa e prevenire la corrosione e altri danni consequenziali.

Risanamento dell'area di manutenzione dei macchinari  

Anche i macchinari presenti nell'area di manutenzione di ZF sono stati colpiti dall'alluvione. Gli esperti di BELFOR DeHaDe hanno risanato cinque banchi prova, un'unità per la fornitura dell'olio, vari macchinari più piccoli e una linea di pulizia.

bild 6
Essiccatori di grandi dimensioni installati nelle sale di produzione e immagazzinamento

Disassemblare, risanare, asciugare e ricominciare a lavorare 

In caso di danni è fondamentale poter contare su competenza ed esperienza ed applicare al momento giusto le misure giuste, come la rimozione di metri di fango negli stabilimenti, il disassemblaggio nel settore di costruzione, il risanamento accurato e la protezione dalla corrosione. Tutto questo è riuscito perfettamente in ZF, ed è stato possibile riavviare la produzione dopo soli pochi giorni.

 

ZF FRIEDRICHSHAFEN AG 

  • ZF è un leader globale nella tecnologia del gruppo motopropulsore e dello chassis, nonché della tecnologia di sicurezza attiva e passiva.
  • L'azienda vanta circa 137.000 dipendenti in tutto il mondo, distribuiti in circa 230 sedi in 40 Paesi.
  • Nello stabilimento colpito, ZF Friedrichshafen AG a Passau, più di 200 dipendenti assicurano la manutenzione rapida di veicoli (auto, macchinari agricoli) nel campo dell'assistenza.
  • Il magazzino dello stabilimento contiene oltre 44.000 parti di ricambio.
FacebookLinkedInTwitterMailArrow UpArrow LeftArrow RightGallery